Infortunio sul lavoro: come muoversi

Infortunio lavoro ambulanza | Q2scai-infortunistica.it

Infortunio sul lavoro: come muoversi

Quali incidenti rientrano nel vasto capitolo dell’infortunio sul lavoro? E poi, come funzione e quanto spetta al povero sfortunato vittima dell’infortunio? Scopriamolo insieme in questo articolo.

L’infortunio sul lavoro

L’infortunio sul lavoro è un incidente che avviene durante una normale giornata lavorativa che comprende non solo il normale orario di lavoro, ma anche tutte quelle situazioni anche ambientali nelle quali il lavoratore può rischiare un infortunio.  Ma cosa si intende di preciso con il termine infortunio sul lavoro?

Questo altro non è che un evento traumatico, spesso per causa violenta, sul posto di lavoro che comporta l’impossibilità di svolgere l’attività lavorativa per più di tre giorni. Da un certo punto di vista lo si potrebbe vedere anche come il mancato rispetto degli obblighi di prevenzione instaurati apposta per tutelare la salute dei lavoratori. Proprio per questo motivo la legge prevede una specifica assicurazione, per altro obbligatoria, per indennizzare i lavoratori che subiscono un infortunio sul lavoro.

Cosa occorre fare in casi di infortunio sul lavoro?

Esistono pochi e semplici passi che lavoratore e datore di lavoro devono seguire a seguito di un infortunio. Il lavoratore dovrà comunicare tempestivamente l’incidente al datore di lavoro che a sua volta lo invia al Pronto Soccorso. Quest’ultimo rilascia il certificato medico che deve essere trasmesso al datore di lavoro che presenterà telematicamente all’INAIL la denuncia dell’infortunio. Presentata la denuncia il lavoratore infortunato deve presentarsi 2 o 3 giorni prima della scadenza della prognosi presso gli ambulatori dell’INAIL ed effettuare la visita medica.

In questo caso l’INAIL potrà o fissare un nuovo appuntamento in caso di continuazione dell’infortunio e fornire un nuovo certificato medico infortunio da consegnare al datore di lavoro. Oppure può chiudere l’infortunio temporaneo con un certificato di chiusura definitiva da consegnare sempre in azienda per poter riprendere a lavorare.

Inoltre è bene ricordare che la mancata denuncia infortunio sul lavoro INAIL da parte del datore di lavoro entro 2 giorni dal ricevimento del certificato medico viene sanzionata con multe che vanno dai 1290€ ai 7745€.