fbpx

Incidente stradale risarcimento

Incidente stradale risarcimento | Q2scai-infortunistica.it

Incidente stradale risarcimento

Chiunque si trovi vittima della sfortunata situazione di un incidente stradale ha diritto ad un congruo risarcimento. Ma a chi spetta? Ecco delle piccole linee guida da seguire in caso di sinistro stradale con le informazioni sul calcolo e sul diritto al risarcimento.

Incidente stradale: risarcimento

Se siete rimasti coinvolti in un incidente stradale sicuramente vi siete chiesti o vi chiedete a chi spetta risarcirlo? e come calcolare il danno? E bene, in ambito assicurativo si usa il parametro del concorso di colpa che stabilisce che in caso di incidente, il conducente che ha provocato il sinistro dovrà risarcire i danni. Di conseguenza quando il concorso di colpa è al 50% ciascuna delle parti deve rimborsare i veicoli danneggiati. Ma ovviamente non è il conducente a risarcire, ma la sua assicurazione. Se invece nel sinistro sono state coinvolte più vetture occorrerà rivolgersi direttamente alla compagnia assicurativa che tutela il responsabile del sinistro.

Esiste anche il caso in cui chi ha causato l’incidente guidava senza assicurazione. In questo caso la richiesta deve essere rivolta al Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada. 

Ma come calcolare il risarcimento del danno?

Innanzitutto bisogna considerare che vanno risarciti sia i danni al mezzo che alla persona. Nel primo caso si prendono in considerazione tutte le spese necessarie alla riparazione dei veicoli. Più complessa è la situazione per quanto riguarda l‘incidente stradale e il risarcimento danni alla persona. In questo risarcimento sono compresi sia i danni patrimoniali – come ad esempio i costi da sostenere per il recupero della piena attività fisica – e quelli non patrimoniali. Esistono due diversi tipi di danni risarcibili alla persona.

Patrimoniale o economico: le spese sostenute a causa dell’incidente. In questo caso è compreso anche il lucro cessante, vale a dire il mancato guadagno causato dalla cessazione dell’attività lavorativa.

Biologico permanente o temporaneo: comprende ogni lesione provocata dall’incidente che verrà quantificata e risarcita utilizzando delle tabelle apposite che lo calcolano. Il tutto con il supporto dell’INAIL che aiuta a calcolare l’entità del danno.