Chi paga l’infortunio sul lavoro

Infortunio sul lavoro | Q2scai-infortunistica.it

Chi paga l’infortunio sul lavoro

Spesso può capitare per qualsivoglia motivo di essere vittima di un infortunio sul proprio posto di lavoro. Quando ciò si verifica, chi paga l’infortunio sul lavoro? Vediamo insieme i soggetti chiamati in causa nella sfortunata eventualità di incidente con conseguente infortunio sul posto di lavoro.

L’infortunio sul posto di lavoro

L’infortunio sul lavoro è un incidente che avviene in occasione di una normale attività lavorativa. Questo concetto va però inteso ben oltre l’idea di “durante l’orario di lavoro o sul posto di lavoro”. Infatti nel caso dell’infortunio sul posto di lavoro vengono ricomprese tutte quelle situazioni anche ambientali, nelle quali il lavoratore può essere a rischio incidenti e quindi infortunio. Per chiarire le idee, si può considerare infortunio sul posto di lavoro anche un incidente stradale pre o post attività lavorativa in quanto lo sfortunato ne è rimasto vittima per andare o tornare da lavoro. Quindi l’infortunio sul lavoro altro non è che un sinistro coperto dall’assicurazione che prevede il risarcimento in seguito ad un incidente sul posto di lavoro o in seguito ad eventi con rapporto tra l’incidente che causa l’infortunio e l’attività lavorativa svolta.

Ma chi paga l’infortunio sul lavoro?

L’infortunio sul lavoro viene indennizzato sia dal datore di lavoro che dall’INAIL secondo alcuni criteri. Il primo, consiste nel fatto che il giorno stesso dell’incidente viene inteso come giornata di lavoro a tutti gli effetti, e dunque retribuito al 100%, indipendentemente dall’orario in cui si è verificato l’infortunio.  Inoltre i primi 3 giorni di infortunio, chiamati anche periodo di carenza, sono del tutto a carico del datore di lavoro. Dal quarto giorno in poi sarà invece l’INAIL a erogare la prestazione economica del risarcimento.

Per quanto riguarda la durata dell’infortunio, non esistono limiti particolari e sarà ancora una volta l’INAIL a farsi carico dell’intera indennità. Inoltre si farà anche carico di tutte le spese mediche, gli esami diagnostici e le terapie purché preventivamente prescritte o autorizzate dall’INAIL stesso.